Uno spazio di aiuto e di confronto e conforto, per tutte coloro che pensano di essere sole a combattere l'endometriosi. Ma non lo sono. Siamo tante, sosteniamoci, attraverso la condivisione delle nostre esperienze.
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Diagnosi e sue fasi secondo Endometriose.ch

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Madeleine
Admin


Messaggi : 56
Data d'iscrizione : 10.03.15

MessaggioTitolo: Diagnosi e sue fasi secondo Endometriose.ch   Lun Mar 16, 2015 12:15 am

La diagnosi è il primo passo verso il trattamento

Il colloquio approfondito con il medico, la cosiddetta anamnesi, è la base per la diagnosi. Mentre la paziente descrive dettagliatamente i suoi sintomi ed i suoi disturbi, è già possibile sospettare un’endometriosi.

Alla visita ginecologica si possono vedere o palpare i focolai endometriosici più grossi (ad es. nel fornice vaginale, nel retto, e nei legamenti del utero).

All'ecografia vaginale è possibile riconoscere delle cisti endometriosiche nelle ovaie. Queste cisti, denominate anche endometriomi, contengono sangue vecchio e appaiono all’ecografia come una struttura caratteristica e regolare (cisti cioccolato).

Tuttavia, un esame ecografico negativo non esclude la presenza di un’endometriosi. Altri esami come ad es. la risonanza magnetica (MRI) possono aiutare in determinati casi ad evidenziare focolai endometriosici, sopratutto se crescono nei legamenti o nella muscolatura dell’utero (adenomiosi).

La diagnosi precisa dell’endometriosi viene fatta all’osservazione diretta del basso addome (laparoscopia) con prelievo di tessuto per l’esame istopatologico.


Le quattro fasi della diagnosi

1 Colloquio approfondito (anamnesi)
2 Visita ginecologica (esplorazione e minuziosa osservazione della vagina e dell’orifizio dell’utero con il colposcopio)
3 Esame ecografico o MRI (risonanza magnetica)
4 Laparoscopia per l’accertamento della diagnosi ed eventualmente, asportazione di focolai endometriosici.


Diagnostica mediante l'ecografia

Ricerche complementari come l’ecografia o la MRI (risonanza magnetica) completano l’approfondito colloquio con il medico e la visita ginecologica.

Con l’ecografia si evidenziano soprattutto le cisti endometriosiche, i focolai endometriosici più grossi nella cavità addominale o le alterazioni delle tube.


Cos'è la laparoscopia?

L’intervento viene eseguito in anestesia totale e richiede da due a quattro piccole incisioni cutanee nella regione ombelicale come anche in zone diverse del basso addome. Il medico osserva la cavità addominale attraverso un’ ottica introdotta nell’addome. Così può valutare accuratamente gli organi interni, prelevare campioni di tessuti ed eventualmente, distruggere o asportare i focolai endometriosici presenti con le forbici, il laser o con corrente elettrica.

La diagnosi viene confermata mediante l’esame microscopico del tessuto prelevato.

Diagnostica mediante la laparoscopia

Piccoli focolai come quelli nella figura di destra, spesso non possono essere diagnosticati con certezza. E molto importante la laparoscopia per l’accertamento della diagnosi.



Credits: http://www.endometriose.ch/it/diagnose.htm
Tornare in alto Andare in basso
http://nonsiamosole.forumattivo.it
 
Diagnosi e sue fasi secondo Endometriose.ch
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» I FANTASMI - SECONDO VOI ESISTONO? CI CREDETE?
» HO BISOGNO DI UN CONSIGLIO PER INTERPRETARE UNA DIAGNOSI
» PEI per autistico di scuola superiore di secondo grado
» Diagnosi di dislessia : asl o privato?
» sos consigli per alunno con diagnosi di autismo atipico

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Non siamo sole :: La malattia :: Sintomi - Diagnosi - Cause - Prevenzione :: Diagnosi-
Andare verso: